Bardi: di Gerardo Coviello ricorderò lo sguardo