«Mia moglie», «Il mio capo»: a Matera i «poveri cristi» corrono e ognuno porta la sua «croce»